Archivi categoria: Articoli su società

Sinistra, destra: contenitori politici oramai vuoti

Le classi politiche italiane, che ancora oggi si ergono a difesa e baluardo degli interessi delle classi lavoratrici invocando politiche di sinistra, basate cioè sulle ideologie comuniste o socialiste, non hanno ancora realizzato che tali prassi ideologiche non trovano più posto nelle attuali realtà sociali, poiché già da tempo sono state spazzate via dalla completa affermazione delle prassi politiche-economiche liberali portatrici della definitiva affermazione nel mondo del capitalismo. Continua la lettura di Sinistra, destra: contenitori politici oramai vuoti

Le problematiche del dopo referendum

Siamo di nuovo nel guado, siamo ricaduti in un vergognoso pantano che pone l’Italia nel novero dei paesi meno efficienti al mondo avendo raggiunto, dopo le attuali consultazioni presidenziali, lo strabiliante primato  di 64 governi in 70 anni di regime repubblicano con una durata media, per ciascun governo, di circa 1.1 anni. Continua la lettura di Le problematiche del dopo referendum

Le conseguenze dell’esito referendario

Ci siamo, mancano poche ore alla resa dei conti; dopo molti mesi di dibattiti pro  o contro la riforma costituzionale, che in principio era stata scritta e condivisa da una vasta compagine di forze politiche ed  era stata votata con almeno il 60% di consenso delle forze parlamentari Berlusconi, leader di Forza Italia, con molta leggerezza e poco senso di responsabilità, non ebbe alcuno scrupolo nel buttare a mare tutto il lavoro politico riformista svolto grazie al patto del Nazzareno nel momento in cui il Partito Democratico, per evitare lo stallo, propose ed elesse il nuovo Presidente della repubblica nella persona di Sergio Mattarella, per altro stimato ed apprezzato dallo stesso Berlusconi e da molti altri politici di Forza Italia. Continua la lettura di Le conseguenze dell’esito referendario

Le ripercussioni del referendum sulla società italiana

Con il referendum sulla permanenza del Regno Unito nell’Unione Europea il Vecchio Continente è stato scosso, fin dalle sue fondamenta, da un risultato inaspettato che nessun sondaggista aveva mai diagnosticato. La Gran Bretagna esce dall’Unione europea con il 52% dei voti referendari coniando, in seguito a questo clamoroso evento, un nuovo termine: Brexit. La Sterlina, all’indomani del risultato, si deprezzò del 10% ed attualmente Londra sta per perdere il suo primato di mercato finanziario più importante d’Europa, perché tutte le maggiori banche vogliono lasciare il Regno Unito oramai isolato nel contesto europeo. Continua la lettura di Le ripercussioni del referendum sulla società italiana

L’Europa di fronte alla crisi migratoria

Venti gelidi di intolleranza, di indifferenza, di egoismo, di disumanità spirano violentemente sui cieli della vecchia Europa che non è mai stata storicamente in grado di risolvere attraverso il dialogo, la comprensione, l’altruismo le gravi crisi che hanno caratterizzato tutto il corso del ventesimo secolo. Ora io credo che le passate esperienze attraversate da Stati, da società, da movimenti politici, in pratica tutta la storia vissuta debba assurgere al nobile rango di “Maestra di vita” dalla quale non si può prescindere per evitare di ripetere tutti quegli errori che hanno dato origine ad egoismi nazionalisti ed odii che, a loro volta, sono stati poi la causa di comportamenti indicibili, di olocausti e stragi che hanno privato l’uomo di quell’umanesimo che pur è dentro di lui riducendolo al rango di bestia feroce. Continua la lettura di L’Europa di fronte alla crisi migratoria

I partiti politici e la caduta delle ideologie

Il mio primo articolo, relativo al nuovo anno appena entrato, vuole uscire dalle tematiche evangeliche per andare ad analizzare l’evoluzione delle diverse ideologie che hanno dato corso, nel tempo, a diverse prassi politiche nella gestione degli sviluppi socio-economici della società umana. << Uno spettro si aggira per l’Europa – lo spettro del comunismo. Tutte la potenze della vecchia Europa, il papa e lo zar, Metternich e Guizot, radicali francesi e poliziotti tedeschi, si sono alleati in una santa caccia spietata a questo spettro >> (tratto da “Il manifesto del partito comunista- Marx-Engels). Continua la lettura di I partiti politici e la caduta delle ideologie

Olocausto 2015 (2)

Ancora una volta sono costretto ad interrompere i miei articoli di critica ai Vangeli per occuparmi della dolorosissima migrazione di migliaia e migliaia di profughi che, fuggendo da guerra, sopraffazione e morte giungono in Italia attraverso il mare Mediterraneo su barconi fatiscenti, il più delle volte salvati da sicura morte dall’intervento delle navi dell’operazione europea di soccorso in mare “Frontex”. Bisogna precisare che questa moltitudine di disperati in fuga sono costretti a sbarcare sulle nostre coste per un motivo di carattere esclusivamente geografico, ma il loro vero obbiettivo è quello di raggiungere i paesi nord europei per ricongiungersi alle loro famiglie o ai loro parenti già residenti in questi Nazioni utilizzando l’Italia solo ed esclusivamente come territorio di transito. Continua la lettura di Olocausto 2015 (2)

Olocausto 2015

Volevo imperniare il mio secondo articolo, relativo al mese di aprile 2015, sulla descrizione delle vicende evangeliche che rappresentano, poi, la missione principale di questo sito; in particolar modo avevo intenzione di soffermarmi sull’illustrazione degli inizi della vita terrena di Gesù non solo per evidenziare le regole e le norme cui venivano sottoposti i neonati ebrei, ma anche per descrivere le qualità etiche e morali che già in età adolescenziale iniziavano a caratterizzare la sua personalità. Sono stato costretto a rimandare l’argomento per entrare nel vivo della più immane tragedia che sta caratterizzando l’Europa del dopoguerra: la strage di migranti nello stretto di Sicilia la quale, per molti versi, potrebbe essere paragonata all’olocausto subito dal popolo ebraico ad opera del feroce regime nazista.
Continua la lettura di Olocausto 2015

Il Papa e la reliquia di San Gennaro

Il cosiddetto prodigio della liquefazione del sangue di San Gennaro, che si è verificato, seppure a metà, durante la visita del Papa al duomo di Napoli in data 21 marzo 2015, impone una seria ed approfondita riflessione fra enti ed organismi laici che induca le istituzioni pubbliche, preposte a tutelare il diritto alla verità, al realismo ed alla dignità della persona, ad esprimersi su avvenimenti e manifestazioni ritenuti unilateralmente sovrannaturali o miracolosi, ma oramai spiegati in via sperimentale, se pur indirettamente, per mezzo della scienza. In alternativa, per fare chiarezza su un fenomeno che si tramanda da secoli, si invitino le istituzioni religiose a permettere analisi scientifiche sulle reliquie miracolose con strumentazioni moderne ed attendibili che ne certifichino, inequivocabilmente, la loro vera natura.
Continua la lettura di Il Papa e la reliquia di San Gennaro

Chiesa e Ateismo (2)

Come promesso nel mio  primo articolo relativo al mese di novembre dal titolo “Chiesa e Ateismo (1)”, ritorno sull’argomento per dimostrare come la Chiesa cattolica, pur dicendosi disposta ad intavolare un dialogo aperto e sincero con le masse atee e non credenti, in realtà è disponibile a discutere e ad interloquire solo ed esclusivamente con esponenti elitari della società laica per trarne il massimo profitto divulgativo in termini di attenzione dei media a quello che, in realtà, è poi un dialogo sterile ed infecondo, che rimane fine a se stesso, poiché non rivolto ad affrontare e dare soluzioni alle problematiche etiche, morali e sociali che affliggono oggi la società umana causate, principalmente, dalla folle corsa dell’uomo, cui la Chiesa stessa è partecipe, tesa alla conquista di quel dio materiale che si chiama “Denaro”. Continua la lettura di Chiesa e Ateismo (2)