Archivi del mese: novembre 2014

Chiesa e Ateismo (2)

Come promesso nel mio  primo articolo relativo al mese di novembre dal titolo “Chiesa e Ateismo (1)”, ritorno sull’argomento per dimostrare come la Chiesa cattolica, pur dicendosi disposta ad intavolare un dialogo aperto e sincero con le masse atee e non credenti, in realtà è disponibile a discutere e ad interloquire solo ed esclusivamente con esponenti elitari della società laica per trarne il massimo profitto divulgativo in termini di attenzione dei media a quello che, in realtà, è poi un dialogo sterile ed infecondo, che rimane fine a se stesso, poiché non rivolto ad affrontare e dare soluzioni alle problematiche etiche, morali e sociali che affliggono oggi la società umana causate, principalmente, dalla folle corsa dell’uomo, cui la Chiesa stessa è partecipe, tesa alla conquista di quel dio materiale che si chiama “Denaro”. Continua la lettura di Chiesa e Ateismo (2)

Chiesa e Ateismo (1)

Il 24 aprile del 2008 l’arcivescovo Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, direttore della Pontificia Commissione per i Beni Culturali, nonché finissimo biblista ed oggi cardinale, in un’intervista rilasciata al giornalista Nello Aiello dell’Espresso sul rapporto Chiesa e Ateismo così si esprimeva: “Sento la mancanza degli atei veri, una sfida indispensabile per la Chiesa […]. Ciò che è entrato in crisi è oggi l’Ateismo “alto”. A sostituirlo interviene una forma di sarcasmo, di sberleffo, di critica fondamentalista […], un Ateismo fatto di indifferenza, di banalità, di qualunquismo. L’Ateismo “alto” risiede nel confronto che può diventare scontro fra sistemi alternativi così come è accaduto nei secoli scorsi fra due grandi visioni del mondo: il marxismo e il cristianesimo”. Continua la lettura di Chiesa e Ateismo (1)