Biografia

DSC01316 (1)

Mi chiamo Gelasio Giardetti, sono nato a Pietracamela  in provincia di Teramo il 26/03/1944. Ho studiato a Fermo, nelle Marche, dove mi sono diplomato in chimica industriale nel lontano 1967. Proprio in funzione di questo mio indirizzo scolastico ho svolto, per 26 anni, la professione di ricercatore presso il Centro Sviluppo Materiali, un centro di ricerca dell’ex Finsider che si occupa di ricerca applicata e di base su metalli e leghe metalliche. Sono titolare di diversi brevetti di super leghe metalliche resistenti alla corrosione ed ho presentato e pubblicato articoli scientifici in convegni internazionali e su apposite riviste specializzate in ricerca applicata.
Molti di voi si chiederanno, sicuramente, la genesi della mia passione nei confronti dei Sacri Testi e della teologia in generale viste le mie radici culturali di carattere prettamente scientifiche sorrette, principalmente, dal razionalismo ed illuminate  dalla sola fede nella ragione. Ebbene, debbo dire che sin dall’adolescenza i dogmi cattolici come la resurrezione, l’eucaristia, l’ascensione, i miracoli suscitavano in me perplessità e dubbi ed una specie di risentimento nei confronti del mio sacerdote che sistematicamente mi ripeteva, più che rispondere alle mie molte domande, che la salvezza eterna era riservata solo a coloro che avevano fede in Cristo.
Iniziai, così, a leggere, da grande, libri sulla vita di Gesù scritti da autori cattolici come G. Ricciotti, V. Messori, G. Ravasi, ma anche autori molto critici sull’attendibilità storica dei Vangeli come J. Carmichael, E. Renan, W. Fricke, E. P. Sanders, M. Craveri, R. Calimani. Queste differenti visioni sulla figura di Gesù furono illuminanti e decisive e mi fecero comprendere tutta l’enorme responsabilità del clericalismo che aveva tenuto, per secoli, la società umana in uno stato di sottomissione mentale con mezzi coercitivi a dir poco riprovevoli ed aberranti.
Ho così pubblicato, nel 2008, con la casa editrice “Il Parnaso”, insieme ad altri autori, un articolo sulla figura di Paolo Di Tarso, il vero fondatore del cristianesimo; il  volume, di alto pregio, in carta pergamena, numerato, è intitolato “Roma MMDCCLXI ab urbe condita”. Nel luglio 2008 ho pubblicato con la casa editrice “Andromeda” un saggio dal titolo “Gesù, l’uomo” e a novembre del 2013 è uscita la mia terza pubblicazione con la casa editrice “Arduino Sacco Editore” dal titolo “Dio, fede e inganno”.  Nel corso del 2014 pubblicherò il mio quarto saggio dal titolo”L’uomo, il virus di Dio”.