I Vangeli apocrifi

Sul finire del primo secolo  d.C. già circolavano moltissime versioni del Vangelo per cui la Chiesa nascente fu costretta a fare delle scelte per scegliere i testi evangelici più sobrii e più attendibili dal punto di vista storico. Di queste molte versioni in circolazione i quattro Vangeli canonici e gli Atti degli apostoli diventarono i testi ufficiali della Chiesa e furono gli unici ad essere considerati storici e quindi dotati di autorità per garantire la veridicità delle azioni, delle opere e delle parole di Cristo. I molti Vangeli allora in circolazione ben presto furono dimenticati in quanto non riconosciuti dalla Chiesa ufficiale anzi, alcune comunità cristiane che basavano il loro credo su tali testi e che quindi non erano allineate con il pensiero dell’ortodossia cristiana, furono bandite e dichiarate eretiche. Continua la lettura di I Vangeli apocrifi

Genesi degli Atti degli apostoli

Gli Atti degli apostoli può essere considerato un libro che senza ombra di dubbio presenta, dal punto do vista storico, delle caratteristiche a volte più interessanti dei Vangeli canonici poiché narra la storia dell’evoluzione del cristianesimo primitivo in un arco di tempo che va dal 30 d.C.  all’80 d.C., quindi un periodo di tempo molto più lungo di quello riferito dai Vangeli canonici che abbracciano al massimo un periodo di tre anni.
Continua la lettura di Genesi degli Atti degli apostoli

Genesi dei Vangeli

I quattro Vangeli, pur essendo stati scritti per sostenere la divinità di Gesù ed il suo stato messianico per far da base teologica al sorgere di una nuova religione, rappresentano anche importanti documenti storici che, testimoniando sui fatti accaduti nell’epoca in cui Egli visse, presentano fra loro vistose analogie ma anche profonde differenze. Proprio per queste motivazioni reputo sia di estrema importanza tracciare la storia della genesi di questi antichi testi per metterne in evidenza non solo gli esagerati tratti teologici sfociati poi in puro dogmatismo, ma anche per fare chiarezza sulla storia terrena del Protagonista, sulle date in cui i Vangeli furono pubblicati e sulle fonti da cui i redattori attinsero per completare le loro rispettive opere. Continua la lettura di Genesi dei Vangeli

Verità e realismo sul concepimento e sulla nascita di Gesù

L’anno 2014 è già alle nostre spalle; in politica, in economia, nell’informazione, nella cultura, praticamente in tutte le branche delle attività umane si tracciano i bilanci consuntivi per stabilire se i risultati delle decisioni e delle azioni intraprese nel corso del passato anno hanno sortito risultati positivi o negativi. Gli obbiettivi che si vogliono conseguire attraverso l’analisi dei bilanci consuntivi si concretizzano non solo attraverso correzioni e modifiche dei comportamenti decisionali sia collettivi che individuali per ottenere risultati migliori nel corso del 2015, ma anche per accantonare e mettere in archivio situazioni e concetti passati attraverso il vaglio di una critica serrata, quindi discussi, accertati e pienamente consolidati. Continua la lettura di Verità e realismo sul concepimento e sulla nascita di Gesù

Correnti storico-teologiche sull’esistenza in vita di Gesù

Nonostante la religione cristiana stia attraversando un periodo di profonda crisi di credibilità dovuta, in massima parte, agli aspetti prevalentemente irrazionali, dogmatici e magici con cui la Chiesa continua ad indottrinare i propri seguaci, ancora oggi sono oltremodo attuali ed incredibilmente accese le discussioni ed i dibattiti incentrati sull’esistenza in vita di Gesù di Nazareth, cioè il personaggio su cui è stata fondata, ad opera di Paolo di Tarso, la religione cristiana. Continua la lettura di Correnti storico-teologiche sull’esistenza in vita di Gesù

Chiesa e Ateismo (2)

Come promesso nel mio  primo articolo relativo al mese di novembre dal titolo “Chiesa e Ateismo (1)”, ritorno sull’argomento per dimostrare come la Chiesa cattolica, pur dicendosi disposta ad intavolare un dialogo aperto e sincero con le masse atee e non credenti, in realtà è disponibile a discutere e ad interloquire solo ed esclusivamente con esponenti elitari della società laica per trarne il massimo profitto divulgativo in termini di attenzione dei media a quello che, in realtà, è poi un dialogo sterile ed infecondo, che rimane fine a se stesso, poiché non rivolto ad affrontare e dare soluzioni alle problematiche etiche, morali e sociali che affliggono oggi la società umana causate, principalmente, dalla folle corsa dell’uomo, cui la Chiesa stessa è partecipe, tesa alla conquista di quel dio materiale che si chiama “Denaro”. Continua la lettura di Chiesa e Ateismo (2)

Chiesa e Ateismo (1)

Il 24 aprile del 2008 l’arcivescovo Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, direttore della Pontificia Commissione per i Beni Culturali, nonché finissimo biblista ed oggi cardinale, in un’intervista rilasciata al giornalista Nello Aiello dell’Espresso sul rapporto Chiesa e Ateismo così si esprimeva: “Sento la mancanza degli atei veri, una sfida indispensabile per la Chiesa […]. Ciò che è entrato in crisi è oggi l’Ateismo “alto”. A sostituirlo interviene una forma di sarcasmo, di sberleffo, di critica fondamentalista […], un Ateismo fatto di indifferenza, di banalità, di qualunquismo. L’Ateismo “alto” risiede nel confronto che può diventare scontro fra sistemi alternativi così come è accaduto nei secoli scorsi fra due grandi visioni del mondo: il marxismo e il cristianesimo”. Continua la lettura di Chiesa e Ateismo (1)

Paolo di Tarso, il vero fondatore del cristianesimo

Dopo aver pubblicato diversi articoli su tematiche di carattere socio-economiche, torno ad affrontare concezioni socio-religiose che sono poi le argomentazioni che più mi appassionano, non solo perché hanno condizionato da secoli e condizionano tutt’ora la vita di ciascuno di noi, ma soprattutto perché lo fanno attraverso approcci a volte storici, giusti ed interessanti, ma il più delle volte con argomentazioni dogmatiche, totalmente irrazionali che possono essere accettate e credute solo dalla fresca mente di un bambino ma che difficilmente possano riuscire a trovare posto e credibilità nella matura mente di un adulto. Continua la lettura di Paolo di Tarso, il vero fondatore del cristianesimo

Migrazione e operazione Mare Nostrum

Su una spiaggia libica, bersagliata da un sole accecante e cosparsa di rifiuti, arrivano numerosi gruppi di persone formati da due, tre, quattro unità dirigendosi, con fare circospetto, verso un fabbricato fatiscente abbandonato. Costoro sono impazienti di rifugiarsi nel capannone diruto per sottrarsi all’infernale calore del sole e dove, con ogni probabilità, troveranno un minimo di accoglienza e ristoro fornito loro dalle bande criminali che organizzano i viaggi della speranza per attraversare prima il deserto africano e poi il Mediterraneo per giungere, infine, sulle agognate coste italo-europee.
Continua la lettura di Migrazione e operazione Mare Nostrum

Il capitalismo distruggerà il mondo

Attualmente, fra tutte le riforme sociali messe in campo dal governo Renzi, la riforma del lavoro è sicuramente la più importante ed urgente, poiché si pensa che essa possa essere un valido strumento per diminuire la disoccupazione generale, ma soprattutto quella giovanile che oggi, rispettivamente, si attestano intorno al 12,6% ed al 43,7%. Continua la lettura di Il capitalismo distruggerà il mondo